COSTA SMERALDA

Capitale indiscussa della Costa Smeralda, Porto Cervo è una frazione del centro gallurese di Arzachena, con poche centinaia di residenti. D’estate diventa una straordinaria sfilata di centinaia di panfili, yacht e personaggi famosi: in piazzetta facile che ti troverai a fare shopping con divi del cinema e della televisione. Ogni giorno è un alternarsi continuo di appuntamenti con il jet set internazionale: feste, mondanità, eventi sportivi, golf in particolare.

Il borgo sul mare è sorto attorno a un’insenatura naturale che ricorda un cervo. Il porto vecchio risale agli anni Sessanta, quando con un’intuizione geniale il principe Karim Aga Khan IV, affascinato dalla bellezza del tratto di costa, decise di comprare le terre di quest’angolo di Gallura e, assieme allo scenografo svizzero-francese Jacques Couelle, poi affiancato da alcuni architetti italiani, di dare vita al paradiso del turismo internazionale d’élite.


Porto Rotondo è un piccolo gioiello della Sardegna, un' insenatura naturale quasi circolare, compresa nella parte nord orientale della Sardegna, ha un suo Comprensorio che si estende per circa 300 ettari ed è compreso tra il golfo di Cugnana e quello di Marinella. Le spiagge più importanti sono: spiaggia Punta Lepre (Sporting), spiaggia Ira, Punta Nuraghe, spiaggia dei Sassi, spiaggia delle Alghe, Punta Volpe, Punta Lada,e la grande e bellissima spiaggia di Marinella. Uno spazio geografico che ben si prestava ad essere attrezzato per diventare un porto turistico attorno al quale sviluppare un villaggio marino. Furono i Conti veneziani Nicolò e Luigi Donà dalle Rose ad impegnarsi nel 1964 a creare il porto e il villaggio.Oggi Porto Rotondo rappresenta una delle più importanti realtà del turismo mediterraneo che durante la stagione estiva accoglie circa 20 mila ospiti con punte di 30 mila nel mese di agosto. Le suggestive spiagge fanno da corona al Comprensorio e al suo porto turistico che offre un approdo sicuro per oltre 650 imbarcazioni di tutte le grandezze. A meno di due miglia di navigazione da Porto Rotondo è situata la suggestiva isola di Mortorio la cui superficie, di circa 12 ettari, è caratterizzata dalla presenza di bellissime spiagge, natura incontaminata e da splendide scogliere.

TAVOLARA

Abbracciando uno dei tratti di costa più belli e suggestivi del mediterraneo l'area marina protetta di Tavolara, si estende per circa 15mila ettari su acque limpide e cristalline, nel nostro itinerario navigheremo tra insenature e calette che da Capo Ceraso si estendono fino a Punta l’Isuledda. L’a.m.p. di Tavolara – Capo Coda Cavallo, nata nel 1997, comprende al suo interno zone di protezione speciale (isole di Tavolara, Molara, e Molarotto) e un sito di interesse comunitario: lo stagno di San Teodoro, visitabile con un agevole e suggestivo sentiero, punto di sosta dei fenicotteri rosa nei periodi migratori e residenza del cavaliere d’Italia. L’area marina è ideale per l’attività subacquea: siti di immersione, percorsi collaudati, ambienti ricchi di biodiversità e popolati da sciami di pesci confidenti. Cernie, corvine e saraghi offrono ai subacquei spettacoli indimenticabili. Mentre centri di immersione autorizzati garantiscono professionalità e sicurezza sia per immersioni con autorespiratori che per lo snorkeling. L'isola di Tavolara spunta sul mare con pareti verticali come una montagna di calcare e granito alta oltre 500 metri. Nell'isola l'ecosistema si è conservato intatto in virtù dei difficili approdi che nei secoli l'hanno preservata dagli interventi antropici. Il settore orientale, zona militare, è inaccessibile. Al contrario nella striscia di terra bassa, chiamata Spalmatore di Terra, si trovano spiagge, un porticciolo, due ristoranti tipici e qualche casa. Oltre alle vicine isole Molara e Molarotto, su cui vivono 150 esemplari di mufloni, i suoi bordi granitici sono attraversati da grotte e nicchie. Sulla striscia sabbiosa Spalmatore di Terra crescono gigli di mare mentre la roccia è ricoperta da cespugli di ginepro, elicriso, rosmarino e lentisco. Si racconta che nel secolo scorso Carlo Alberto, re di Piemonte e Sardegna, sbarcato sull'isola a caccia delle mitiche capre dai denti d'oro (fenomeno causato da un'erba che lascia quei riflessi), ne fosse rimasto affascinato al punto da nominare il suo unico abitante, Paolo Bertoleoni, ''re della Tavolara''. Da alcuni anni l'isola fa da sfondo ad un'interessante rassegna cinematografica estiva, il Festival del cinema di Tavolara, che coinvolge artisti di grande fama e richiama un pubblico appassionato. Continuando la navigazione verso Nord raggiungiamo un promontorio calcareo di rara bellezza, Capo Figari, è la parte più estrema di una cresta di colline che attraversa Golfo Aranci nella sua interezza. Si protende sul mar Tirreno con imponente maestosità e si staglia nell’incantevole azzurro del mare con le sue rocce e le sue scogliere, è un paradiso di flora e fauna, arricchito dai profumi dei ginepri, che lo caratterizzano e lo rendono un vero e proprio gioiello naturale. Accessibile dal mare, attraverso la nascosta Cala Greca e da Cala Moresca, spettacolare insenatura sabbiosa con tratti rocciosi. Oltre alla ricchezza naturale, in prossimità del capo è presente l’osservatorio di Capo Figari, rinomato per essere stato il luogo in cui Guglielmo Marconi fece installare il collegamento in micronde fra Capo Figari e Rocca di Papa, e trasmise il primo segnale radio.

CORSICA

Dai ristoranti stellati alle fattorie alberghi, Il Sud Corsica è una terra di gastronomia.Vi porteremo alla scoperta dell’estremità meridionale dell’isola, dove le montagne corse scendono a picco nel mare in un succedersi di spiagge, cale ed isolette.

Nel nostro itinerario di navigazione lungo le coste della Corsica navigheremo spostandoci tra le isole delle Bocche di Bonifacio e poi verso Ovest fino alla città di Bonifacio.La Corsica offre meraviglia e natura allo stato puro, mare splendido, porti tra i piu’ belli del Mediterraneo, ma richiede attenzione nella navigazione. Affidatevi alle nostre mani esperte o pianificate bene le rotte con portolani e carte! Uno dei primi approdi belli da togliere il fiato per il colore cristallino dell’acqua e la fine sabbia bianca e’ l’Isola Piana: una piccola isola collegata alla terraferma da un istmo sabbioso che si puo’ percorrere a piedi. Ci si puo’ ormeggiare ben ridossati sia dal Ponente che dal Levante, sia nella parte Est che Ovest, stando attenti ai bassi fondali sabbiosi. La baia e’ di solito molto frequentata in estate, tanto da imbarcazioni che da turisti che affollano la spiaggia (e da kitesurfer che sfrecciano sull’acqua). Se vi spingete fino a terra lungo l'istmo sabbioso potete visitare le rovine di una villa/magazzino di epoca romana o piu’ semplicemente prendere un aperitivo al baretto della spiaggia. A Sud Est dell’Isola Piana si trovano le due localita’ piu’ note del Parco delle Bocche di Bonifacio, l’Isola di Cavallo e le isole di Lavezzi. Difficile immaginare due posti cosi’ vicini eppure cosi’ agli antipodi: Cavallo e’ l’isola dei fasti vip, delle ville mozzafiato, ed e’ proibito spingersi a piedi oltre la linea della spiaggia. Non e’ proibito pero’ ormeggiare a Cala di Zeri nel versante Est o a Cala Alga nel versante Ovest, vi godrete un acqua spettacolare piena di pesci e dai colori che nulla hanno da invidiare ai Caraibi. In alternativa potete riparare nel piccolo ma attrezzato porto di Cavallo. Lavezzi e’ invece un’isola disabitata, un accumulo di sassi levigati dal mare e dal vento nei secoli, dalla bellezza davvero senza tempo, sia sopra che sotto il mare. Navigheremo verso la Cala di Greco dove è possibile partire in esplorazione dell’isola, che si puo’ percorrere a piedi nel giro di un paio d’ore. Poche miglia separano Lavezzi da Bonifacio, uno dei porti piu’ affascinanti del Mediterraneo e decisamente valevole di una visita. L’entrata in porto e’ gia’ uno spettacolo di per se’, un lungo fiordo che taglia le falesie bianche sovrastate dalla vecchia citta’. La passeggiata per salire nel vecchio centro e’ un po’ in salita ma ne vale sicuramente la pena, se preferite restare nella marina del porto potete provare uno dei tanti ristoranti o fare una passeggiata e del boat watching, scovando senza dubbio alcune tra le piu’ belle barche che navigano il Mediterraneo in estate.

ARCIPELAGO DI LA MADDALENA

Situato a Nord-Est della Sardegna e affacciato sulle Bocche di Bonifacio, l’Arcipelago di La Maddalena e’ il paradiso della navigazione da diporto. La navigazione da queste parti e’ impegnativa, come lo sono gli ancoraggi, ed e’ bene affidarsi a mani esperte e pianificare bene l’itinerario, tenendo a mente che il regime prevalente nei mesi estivi e’ di venti di Ponente/Maestrale. Le isole offrono pero’ numerosi ridossi nel raggio di poche miglia, e ogni rada, ogni baia e’ un capolavoro della natura che non vi stancherete mai di ammirare. Delle oltre sessanta tra isole e isolotti che compongono l’arcipelago, La Maddalena e’ la più grande, l’unica ad essere abitata (a parte le poche case a Santa Maria e il borgo di Stagnali a Caprera) e ad offrire veri e propri servizi portuali. Il centro storico dell’Isola di La Maddalena e’ animato, molto piacevole per una passeggiata e un pranzo, e affacciato a Sud Ovest direttamente sullo storico e suggestivo porticciolo di Cala Gavetta. Riprendiamo la navigazione tra le meraviglie dell’arcipelago di La Maddalena verso Est, nell’Isola di Caprera, la cui costa e’ un susseguirsi di baie e cale dai colori che lasciano senza fiato. La ricca vegetazione di macchia mediterranea arriva fino a riva, e insieme ai massi levigati dal vento e alla trasparenza dell’acqua crea, a modesto parere di chi scrive, uno dei paesaggi più belli al mondo. La più famosa rada dell’isola e’ Cala Coticcio (detta Thaiti), la costa offre tantissime possibilità di fermarsi per un bagno. Cala Napoletana sul versante Nord e Cala Garibaldi ad Ovest offrono ottimi ridossi dai venti del II quadrante, mentre Porto Palma a Sud e’ il posto giusto per ridossarsi praticamente da qualsiasi vento. Proseguendo verso Nord Ovest si incontra l’Isola di Santa Maria, con la sua famosa baia(aperta a Sud Est) in cui si da’ ancora in 4/5 metri su fondo sabbioso o si prende una delle boe messe a disposizione dal Parco. Proprio di fronte si trova l’Isola di Budelli, con il sontuoso ancoraggio al cosiddetto Manto della Madonna, un’ansa di mare dal blu intenso, uno dei pochi che offre ridosso da Est. Arrivando a terra con una breve passeggiata si può visitare la Spiaggia Rosa, oggi interdetta alla navigazione, alla sosta e alla balneazione. Una passerella di legno permette di passeggiare intorno a questo spettacolo della natura, magari al tramonto per vedere il rosso del granito che tinge il mare e l’orizzonte. Verso Ovest si trova l’Isola di Spargi, fermarsi a Cala Corsara o a Cala Connari vi permetterà’ di fare dei bagni strepitosi. Ancora una volta, visitando queste isole a bordo di un imbarcazione, le possibilità di sosta a Spargi sono numerose, piccole spiagge si susseguono lungo tutta la costa. A nord, affacciata direttamente sulle bocche di Bonifacio, c’e’ l’Isola di Razzoli. La più aspra, la meno accogliente, eppure una delle più belle. Dominata dal faro costruito alla fine del 1800, Razzoli offre un buon riparo dal Levante a Cala Lunga, una lunga insenatura dove il Parco ha sistemato delle boe e la cui bellezza si fa fatica a descrivere. L’acqua e’ tersa, enormi massi di granito levigati dal mare e dal vento assumono strane forme, decine di specie di pesci vi faranno compagnia durante il bagno.

ITINERARI CONSIGLIATI



1) Costa Smeralda

Porto Cervo, Pevero, Romazzino, Capriccioli, Cala di Volpe/Liscia Ruja, isole di Mortorio-Soffi-Nibani-Le Camere (piscine naturali).



2) Archipelago Small Caprera- Maddalena Est- Santo Stefano Est

Porto Cervo, Isole di Caprera, le Bisce, La Maddalena e S.Stefano lato Est



3) Archipelago Full (7 Island)

Porto Cervo, isole delle Bisce-Caprera-La Maddalena-S. Stefano-Spargi-Razzoli-Santa Maria-Budelli (porto della Madonna piscine naturali).



4) Tour della Corsica

Porto Cervo, isole delle Bisce-Caprera-La Maddalena-Santo Stefano-Spargi-Razzoli-Santa Maria-Budelli (porto della Madonna piscine naturali) - Bocche di Bonifacio, isole francesi di Lavezzi, Cavallo, Piana - grotte di Bonifacio - porto di Bonifacio (Corsica-FRANCIA)



5) Costa Smeralda area Protetta di Tavolara-Capo Coda Cavallo

Porto Cervo, baia del Pevero, Romazzino, Capriccioli, isole di Mortorio-Soffi-Nibani-Le Camere (piscine naturali), capo Figari, isole di Tavolara-Molara (piscine naturali), capo Coda Cavallo.

IT

EN

RU

LUXURY CHARTER AND SERVICES

+393498016403

+393273195734

Member of Number One Service, Viale Aldo Moro n°408 Olbia IT - P.IVA 01820990909

YACHT CHARTER SARDINIA

+393498016403 IT-ENG-FR

+390789622326 IT-ENG

+393273195734 ENG-SK-IT

YACHT CHARTER

SARDINIA